forworldtriplovers.com

Turismo della memoria e della rievocazione: che cos'è, quali luoghi visitare?

Chi sono
Martí Micolau
@martímicolau
RIFERIMENTI ESTERNI:

FONTI CONSULTATE:

Valutazione dell'articolo:

Avviso sui contenuti


Alla scoperta di una pratica in rapida espansione

Una forma di viaggio si è molto sviluppata dagli anni '80: il turismo della memoria. In cosa consiste? È adatto a tutti i tipi di pubblico? Quali sono i luoghi da visitare? Forse ti sei già esercitato senza nemmeno saperlo...

Cos'è il turismo della memoria?

Questo riguarda le persone che vanno in un luogo ricco di storia, che sia un periodo vicino (i campi di concentramento della seconda guerra mondiale come Auschwitz Birkenau in Germania) o lontano (la Torre di Londra costruita nel Medioevo), un evento planetario come l'11 settembre a New York (Ground Zero ) o essere l'atto di un solo uomo (prigione di Nelson Mandela in Sudafrica). Un'altra pratica popolare è visitare i cimiteri come quello di Père Lachaise a Parigi.





In Francia, queste diverse pratiche accolgono ogni anno 20 milioni di turisti, concentrati principalmente in luoghi legati alle due guerre mondiali. Può essere una meta in sé o solo una parte di un percorso: tutto dipende dalla motivazione della persona.

Perché visitare questi luoghi?

Prima di tutto, per motivi puramente commemorativi. In effetti, il ricordo delle persone scomparse attira i turisti. Tuttavia, un pubblico più giovane fa questi viaggi per capire meglio la storia ed educare per non ripetere gli stessi errori. I musei, come quello dell'Apartheid in Sudafrica, rispondono a questo desiderio. Meno radicali, le visite cimiteriali consentono una riappropriazione del patrimonio.



Per quale pubblico?

Alcuni posti non sono raccomandati per le persone sensibili : quelli in cui i crimini sono stati perpetrati in massa e la cui storia è ancora recente: il campo di Auschwitz o Ground Zero. Ciò richiede una preparazione educativa, soprattutto per i più piccoli. Tuttavia, bisogna riconoscere che si stanno compiendo sforzi per rendere questi luoghi accessibili a tutti. Così l'apartheid è spiegato in un museo. Senza togliere nulla all'orrore, questo permette un primo allontanamento perché i muri sono meno carichi di storia.



Abbiamo selezionato per voi alcuni siti che potrete vedere durante i vostri vari soggiorni.

Visitare i cimiteri: non così strano!

Visitare un cimitero è un'idea strana! Tuttavia, attirano ogni anno numerosi turisti entusiasti dell'ambientazione proposta e della notorietà di persone scomparse o semplicemente desiderosi di esercitare un dovere di memoria.

Cimitero di Père Lachaise

Il cimitero di Père Lachaise a Parigi attira ogni anno molti turisti. Tutti apprezzano la calma di questo luogo, nato dalla fitta vegetazione. Puoi passeggiare tra le tombe più famose: Jim Morrison, Yves Montand, Molière, Chopin... Le visite possono essere a tema : tour delle tombe di scrittori e dei loro epitaffi, soldati, musicisti… Infine, possono anche essere divertenti. Così, durante la loro vita, alcune celebrità sepolte nel cimitero di Père Lachaise hanno mostrato un vero umorismo nero e hanno lasciato tracce post mortem sulle loro tombe.



Il cimitero di Père Lachaise da scoprire nel turismo della memoria

Altri cimiteri visitabili

Sempre più città aprono le porte ai cimiteri ai loro turisti. Si tratta di far scoprire i grandi personaggi locali: Georges Braque a Beaurevoir (Normandia), Edouard Herriot e Tony Garnier a Lione, Paul Valery nel cimitero marino di Sète. Tutti hanno più o meno successo, a seconda che siano promossi o meno dagli uffici turistici. Tuttavia, le lapidi rivelano arte funeraria e sontuose vedute paesaggistiche.


Infine, i cimiteri hanno un fascino tutto particolare: quelli in cui riposano i soldati. Il cimitero militare più famoso al mondo è Arlington, negli Stati Uniti, di fronte a Washington e alla Casa Bianca. Lì riposano i soldati caduti durante le grandi guerre europee, in Vietnam, ma anche durante la guerra d'indipendenza.


Visita il cimitero militare di Arlington

Quando la guerra e la lotta al razzismo vengono smascherate

La seconda guerra mondiale ha lasciato un segno profondo nella mente delle persone a causa della sua natura recente. Molti soldati e combattenti della resistenza sono ancora vivi e testimoniano le atrocità commesse durante la guerra. Anche il razzismo ha mietuto troppe vittime, soprattutto il regime dell'apartheid che ora ha il suo museo.

Il Museo dell'Apartheid situato in Sud Africa

La seconda guerra mondiale

Oltre ai cimiteri militari, ci sono diversi modi per ricordare e saperne di più sulla seconda guerra mondiale. Così, il Memoriale di Caen offre un interessante approccio a questo periodo, ai suoi segni premonitori e alle sue conseguenze. Tutto avviene grazie all'interattività e ai supporti multimediali. Sempre in Francia, il Centre d'Histoire de la Resistance et de la Deportation di Lione si occupa dell'Occupazione.



Altri luoghi da visitare sono dedicati alla Seconda Guerra Mondiale, ed in particolare all'Olocausto. A Parigi, il Memoriale della Shoah presenta cronologicamente e tematicamente la storia degli ebrei di Francia. Questo memoriale include anche una grande Stella di David che rappresenta simbolicamente la tomba di tutti i deportati ebrei.


Il Memoriale della Shoah a Parigi da visitare nel turismo della memoria

Ad Amsterdam, visita la Casa di Anna Frank, questo tedesco di fede ebraica deportato e morto all'età di 16 anni che ha raccontato l'orrore attraverso gli occhi di un adolescente. Il suo diario, scritto mentre era nascosto, ha dato origine a molteplici traduzioni, nonché adattamenti teatrali e cinematografici.


, Ultimo, ma non meno importante è impossibile evocare gli atti nazisti senza pensare ad Auschwitz-Birkenau. Sappi che questo luogo sinistro può essere visitato: è addirittura classificato dall'Unesco. La visita segue le orme di un prigioniero nel campo, dal portale sormontato dal famigerato “Arbeit marcht Frei” ai forni crematori. Qui nessuna interattività, solo il buio delle pareti. Una visita edificante, che mostra l'indicibile, ben oltre la maggior parte dei libri di scuola.

Il campo di Auschwitz-Birkenau da fare per il turismo della memoria

Combattere il razzismo con un museo è possibile!

Il razzismo si è manifestato altrove nel mondo. In Sudafrica, vicino a Johannesburg, un museo racconta il regime dell'apartheid. Il visitatore viene indirizzato verso un ingresso diverso a seconda che sia bianco o nero. Tutto è fatto in modo che il visitatore non possa rimanere indifferente, il che rende la visita totalmente travolgente.

Visita le carceri

Anche parte del turismo della memoria, le carceri si stanno gradualmente aprendo al pubblico. Può trattarsi anche di visitare luoghi sicuri, intrisi di storia, come le carceri divenute musei o addirittura... hotel!

Una delle prigioni più famose è Alcatraz, nell'area della baia di San Francisco. La sua visita dura due ore e permette di visitare The Rock, lo sperone roccioso su cui è costruito Il penitenziario più sicuro d'America e tra il 1934 e il 1963.

Si possono visitare altre prigioni come quella di Melbourne. In Canada è anche possibile pernottare lì. Ad ogni detenuto viene consegnato un foglio di carcerazione, un pacco e un'area in cui passare la notte. Una forma di turismo abbastanza estremo, che mostra una deriva in questo tipo di turismo.

A Londra uno dei monumenti più visitati è senza dubbio la Torre, che espone gli strumenti di tortura ei mezzi di esecuzione nel Medioevo. In Francia, un forte è stato reso famoso da Alexandre Dumas: il Château d'If a Marsiglia.

Un altro modo per visitare la nostra storia

Il turismo della memoria permette quindi di scoprire le ore più buie della storia umana... Non esitate a visitarle durante le vostre vacanze, ma anche durante le Giornate del Patrimonio. E tu, hai mai praticato il turismo della memoria?

Aggiungi un commento a partire dal Turismo della memoria e della rievocazione: che cos'è, quali luoghi visitare?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.