forworldtriplovers.com

5 consigli per un safari fotografico di successo in Tanzania e Kenya

Chi sono
Aina Prat
@ainaprat
RIFERIMENTI ESTERNI:

FONTI CONSULTATE:

Valutazione dell'articolo:

Avviso sui contenuti


Sei interessato a un safari fotografico in Kenya o in Tanzania? Con i loro parchi nazionali e riserve naturali di eccezionale bellezza, rimarrai stupito dal incontrare animali selvatici a pochi metri da te. Giraffe, elefanti, zebre, rinoceronti, animali selvatici, ecc. C'è molto da fare per scattare bellissime foto a patto di portare la fotocamera giusta nel bagaglio e seguire questi suggerimenti.



Quale fotocamera scegliere per un safari fotografico?

Ciò che conta davvero quando si sceglie la fotocamera giusta per un safari è la scelta dell'obiettivo. L'ideale è davveroavere due : uno da 28/80 mm (per i paesaggi) e uno da 75/300 mm (per i primi piani). Se puoi portarne solo uno, scegli un 28/200 mm.



Verifica che il tuo zoom sia dotato anche di un voucher stabilizzatore anti-shake : eviterà foto sfocate! D'altra parte, il numero di pixel del dispositivo è meno importante ad oggi. Fai attenzione, non dimenticare di prendere diverse schede di memoria e impostando la qualità su "alta risoluzione", scatterai meno foto ma saranno facilmente ingrandibili.

Organismi garanti della qualità dell'agenzia o dell'operatore

Rivolgersi direttamente alle agenzie in loco è un buon modo per rendere il safari più autentico. Solo in Kenya e Tanzania come altrove esistono trappole per turisti ed è indispensabile essere vigili per trascorrere una piacevole vacanza. Due organizzazioni garantiscono la qualità delle agenzie in questi due paesi. Si tratta della Kenya Association of Tour Operators (Kato) e della Tanzania Association of Tour Operators (Tato). Queste organizzazioni controllano in particolare le compagnie assicurative e le patenti aziendali, le patenti di guida, ecc. Per essere più sereni, quindi scegli una società che è membro di una di queste due organizzazioni, è un primo imprescindibile pegno di qualità!





Per i momenti più intimi con la natura è necessaria un'auto privata o un bus

Un safari non è un viaggio low budget, quindi è un peccato rovinarlo perché sei dalla parte sbagliata dell'autobus per scattare le foto migliori! Per godersi appieno lo spettacolo davanti a te, è meglio noleggiare un'auto (4×4) o un minibus con la famiglia o gli amici. con un autista che sarà anche la tua guida.

Minibus 4×4 tipico del safari fotografico

I parchi sono ovviamente lontani dalle città, quindi è necessario fornirne uno o più diverse notti al parco. I lodge sono molto confortevoli e lussuosi, un modo squisito per concludere la giornata! Sono ideali anche per le lune di miele.

Qualche idea per parchi e riserve naturali

I parchi del Kenya e della Tanzania sono tutti più belli degli altri ma qui ci sono alcuni percorsi non esaustivi.

in kenya la più famosa delle riserve è senza dubbio la Riserva Nazionale del Masai Mara. Ma possiamo anche citare i parchi di Amboseli o Samburu.



In tanzania i parchi nazionali del Lago Manyara e del Serengeti sono probabilmente i più importanti da vedere anche se la scelta è molto difficile e arbitraria!


Quando andare in Kenya o in Tanzania?

• Per un safari a Kenia, è da evitare solo il mese di maggio (stagione delle piogge), la vegetazione è abbondante e nasconde un po' gli animali.



• Nel Tanzania la stagione secca da maggio a ottobre è la più famosa anche se la stagione delle piogge ha il suo fascino: a voi la scelta!

Pronto per andare su Safari Photo?

Adesso devi scegliere la destinazione: Kenya o Tanzania? Dicci le tue preferenze nei commenti, siamo interessati!


Aggiungi un commento a partire dal 5 consigli per un safari fotografico di successo in Tanzania e Kenya
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.