forworldtriplovers.com

Scopri la storia e la cultura di Marrakech

Chi sono
Valery Aloyants
@valeryaloyants
RIFERIMENTI ESTERNI:

FONTI CONSULTATE:

Valutazione dell'articolo:

Avviso sui contenuti


Non mancano i superlativi per qualificare Marrakech. E per una buona ragione, la città imperiale con la sua architettura eccezionale è un crocevia di culture. Ai piedi dell'Alto Atlante, alle porte del deserto ea due passi dall'Oceano Atlantico, scopri tutta la cultura di Marrakech!

Geografia: tra montagne e meraviglie

L'arredamento intorno a Marrakech ha qualcosa da sognare: ai piedi delle montagne dell'Alto Atlante, alle porte del deserto e vicino all'Oceano Atlantico. In inverno, le cime delle montagne innevate si distinguono dalla città.





L'Atlante alle porte di Marrakech

Nonostante l'estrema siccità della regione, sono i parchi, i giardini e gli alberi che costeggiano i viali principali che ricordiamo da Marrakech. La città è un'oasi enorme di grande diversità vegetale, cristallizzata dal suo palmeto di 130 ettari!

La palma

Marrakech è la quarta città più grande del Marocco dopo Casablanca, Rabat e Fez. La città imperiale è organizzata in due spazi: la città originaria (la medina) e la città nuova, costruito quando il Marocco era sotto il protettorato francese. In periferia stanno spuntando come funghi soprattutto quartieri residenziali. Situato molto vicino alla catena dell'Atlante, Marrakech è un luogo ideale per sciare! Scopri i passi innevati delle montagne dell'Atlante, nel nostro articolo sullo sci in Marocco.

Una città moderna che guarda al futuro

Marrakech deve affrontare i problemi della sua estensione, perché la città si saturerà a breve termine se la crescita urbana e demografica non sarà controllata. La città è al bivio attraversa il Marocco da tutte le parti e quindi ha uno dei migliori collegamenti del paese.





La bellezza di Marrakech

Marrakech è oggi una città dinamica, che sa prevedere serenamente il futuro. L'aver saputo sfruttare il suo ambiente di grande bellezza per sviluppare il turismo, è l'intera economia locale che è stata stravolta: bene immobiliare, commerciale ma anche artigianale.

Storia: le dinastie

Le origini della fondazione di Marrakech risalgono all'XI secolo. Da questo momento, il sultano Youssef ben Tachfine, della dinastia Almoravid, decide la costruzione di una rete di irrigazione in questa regione arida. Questo ingegnoso sistema ha permesso di fornire acqua alla popolazione e di far crescere le prime palme del suo famoso palmeto.

Gli Almoravidi

Sotto la guida del Sultano, la cultura di Marrakech si arricchisce. Diviene infatti in breve tempo un grande centro culturale e artistico del mondo islamico, oltre che a potente crocevia economico tra il Maghreb e l'Africa nera. Essendo gli Almoravidi uomini di fede, molti monumenti (moschee e scuole coraniche, o la Qoubba, una fontana delle abluzioni) sono eretti accanto a palazzi con giardini lussureggianti. Queste opere abbelliscono notevolmente la città e quando la dinastia si estinse nel XII secolo, i loro successori avevano tra le mani un vero gioiello architettonico.

Quobba Almoravide

Gli Almohadi

Ma la successione non procede agevolmente. Gli Almohadi sterminano gli Almoravidi e distruggono la maggior parte degli edifici. Ricostruiscono sulle rovine di edifici religiosi. Questo è il caso di la famosa moschea Koutoubia, costruita al posto di un palazzo. Il sistema di irrigazione fu perfezionato e l'aura di Marrakech si estese poi alla Spagna musulmana.





i merinidi

Dopo una nuova guerra, la dinastia dei Merinidi succedette a quella degli Almohadi. Questo periodo corrisponde a un declino della città, fino ad allora capitale dell'impero… a beneficio di Fez.

I Saadiani

La città, tuttavia, riacquista il suo rango nel XVI secolo e risplende ancora più splendidamente. Una nuova dinastia prende il controllo del regno: i Saadiani. Estremamente ricco, intraprendono un'immensa politica di restauro e abbellimento della città. Possiamo trovare alcuni resti di tombe di questa dinastia in città.

L'eredità dei Saadiani

Gli Alaouiti

Marrakech perse definitivamente il suo status di capitale nel XVII secolo, per volontà della dinastia Alaouita, ancora oggi alla guida del Marocco. Moribonda, la città aspetterà che Moulay Hassan salga al potere per restaurare la sua immagine. Questo grande sultano ne farà la sua residenza principale. poi seguirà il periodo del protettorato francese e la costruzione della nuova città, poi l'indipendenza del paese nel 1955.

Da allora, la città vive un nuovo periodo di prosperità culturale ed economica, grazie allo sviluppo del turismo, all'emergere di una classe sociale benestante e all'afflusso di occidentali che si stabiliscono nel centro storico. Ora espone la sua cultura in vari musei, come il Museo di Marrakech.

Cultura di Marrakech: arte e storia si intrecciano

Fin dal suo avvento, Marrakech è stata una città con un importante mix culturale. Influenze orientali, berbere e andaluse sono evidenti in tutta la città. Ciò si riflette nell'architettura, nell'arte, nell'artigianato, nella gastronomia e conferisce a Marrakech un'arte di vivere unica.





Architettura e artigianato strettamente legati

Le peculiarità architettoniche di Marrakech sono troppo numerose per essere elencate. Ma impossibile non menzionare il colore che riveste i bastioni e che le valse il soprannome di "città rossa". Questo colore inimitabile è visibile anche su alcune facciate piuttosto spoglie dei riad della medina (città vecchia). Se apri la porta, ti aspetta una messa in scena di ceramiche, mosaici, piante e fontane. Queste dimore, apprezzate in particolare dagli occidentali, sono uno specchio di finezza e la maestria degli artigiani locali. Perpetuano il know-how ancestrale restaurando queste case.

Cucina marocchina: crocevia di sapori

Spezie, datteri, frutta e verdura baciata dal sole, olio d'oliva, miele... la cultura di Marrakech è anche i sapori più allettanti del Marocco. Cous cous, tagine, pastiglie e tè alla menta sono l'orgoglio di un paese famosa nel mondo per la sua gastronomia. Hanno un sapore speciale se vengono gustati nella notte e nell'atmosfera inebriante della famosa piazza Djemaa el Fna!

tajine marocchine

Una città d'arte e di storia

Dal 19° secolo, Marrakech ha esercitato un fascino sugli artisti di tutto il mondo che l'hanno visitata. Questo passato ha dato origine a numerose vocazioni tra i giovani marocchini., che uniscono tradizione e modernità nelle loro opere. La vita artistica è quindi molto dinamica e ogni anno vengono organizzate numerose mostre e vernissage, in particolare al museo della città di Marrakech.

i riad

Il significato della parola "riad" significa "giardino". Per estensione, designa case tradizionali marocchine, costruite intorno a un patio e situate nella medina (vecchia città). Queste case sono chiuse verso l'esterno e quindi coltivano un certo mistero. Possiamo benissimo passeggiare per le strade della medina senza sospettare che intorno a noi ci siano gioielli architettonici. La disposizione interna è ricca di piante, fontane, mosaici e altri arabeschi. Diverse stanze sono tipiche dei riad e fanno parte della cultura di Marrakech, come il patio, l'hammam o la terrazza sul tetto. I riad sono case estremamente sensuali dove il fruscio dell'acqua si mescola alle essenze delle buganvillee in un gioco di chiaroscuri.

Riad a Marrakech

I vantaggi del turismo

Marrakech è piena di questi "dar" ("casa" in arabo). Tuttavia, erano stati trascurati dalle popolazioni benestanti, che preferirono per un certo tempo la modernità dei quartieri periferici alle condizioni insalubri della medina. Ma con l'esplosione del turismo a Marrakech, sono stati intrapresi importanti lavori di ristrutturazione nel centro della città: la loro conseguenza è stata quella di riportare i riad al gusto di marocchini e occidentali. Un gran numero di riad sono ora convertiti in ristoranti o hotel. È stato anche osservato per quindici anni che molti occidentali hanno acquistato riad per farne la loro seconda casa o per risiedervi tutto l'anno.

La medina e i suoi souk

Se a volte sono minacciati da una ristrutturazione concreta, il rinnovato interesse per i riad ha permesso di rilanciare l'artigianato di costruzione a Marrakech. In modo che contemporaneamente a questo ritorno a favore dei riad, la medina si è arricchita di nuovi artigiani che potrete osservare nei souk. Il souk è enorme ed è difficile orientarsi. Diversi rioni lo compongono: quello dei tintori, quello dei fabbri, la scuola coranica, ecc. Non esitate a discutere i prezzi, che spesso sono ben al di sopra del loro valore reale! Fa anche parte della cultura di Marrakech...

La vivace medina di sera

Scopri la città imperiale

Ora conosci tutta la cultura di Marrakech! Non ti resta che scoprire le sue visite essenziali e preparare il tuo soggiorno con la nostra guida completa e i nostri tanti altri articoli.

Aggiungi un commento a partire dal Scopri la storia e la cultura di Marrakech
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.